Diversi borghi della Lucania condividono da millenni un patrimonio di riti arborei nei quali, fra paganesimo e cristianesimo, si perpetua uno dei tratti più caratteristici del legame fra il territorio e il culto della fertilità.
Un patrimonio dalle origini antichissime di grande interesse culturale in quanto fortemente radicato nell’identità locale.
I riti arborei in Basilicata, celebrati da aprile a settembre, hanno preservato nel tempo, ed in molti casi accresciuto, la propria vitalità grazie alla costante attività di tutela del patrimonio immateriale messa in campo dalle amministrazioni e dalle comunità.

Il Maggio di Accettura
accettura
La sagra du’ Masc’
castelmezzano
La ‘Ndenna e la Cunocchia
castelsaraceno
La sagra du’ Masc’
gorgoglione
Il Maggio Olivetese
rotonda
U’ Masc’
pietrapertosa-credits-foto-gaspare-morea
L’a Pitu e la Rocca
rotonda
U’ Masc’
Terranova del Pollino
A Pit’
viggianello